Decreto bollette: in arrivo 267 mln a fondo perduto per l’efficienza energetica delle pmi

IL 18 Febbraio è stato approvato il Decreto Legislativo dedito a contrastare in primis il caro bollette accusato soprattutto a fine 2021 e inizio anno.

Sono 5, 5 i miliardi stanziati complessivamente per ottemperare gli aumenti del costo dell’energia, sia luce che gas.

Le misure approvate già per il primo trimestre (ovvero l’azzeramento degli oneri di sistema e la riduzione dell’IVA e degli oneri generali nel settore del gas) vengono riproposte anche per il secondo e il Bonus sociale come sostegno per il pagamento delle bollette ne esce “rafforzato”.

Di nostro maggior interesse, però, sono i provvedimenti strutturali tra i quali rientra l’istituzione del fondo per l’autoconsumo da fonti rinnovabili per PMI e un contributo per l’efficienza energetica nelle regioni del Sud.

Il cosiddetto “Fondo Rinnovabili PMI”, con una dotazione che dovrebbe essere di 267 milioni di euro, avrebbe lo scopo di concedere contributi in conto capitale a piccole e medie imprese per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili fino a 200 kW.

In merito al contributo per l’efficienza energetica nel Sud Italia, si legge nella bozza del decreto: “Alle imprese che effettuano investimenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia volti ad ottenere una migliore efficienza energetica ed a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili, fino al 31 dicembre 2023 e’ attribuito un contributo sotto forma di credito d’imposta”. “Il credito d’imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attivita’ produttive, non porti al superamento del costo sostenuto”.

Siamo tutti fiduciosi che questi saranno i passi giusti per proseguire nel progetto comune e obbligo sociale di Salvaguardare noi e il mondo in cui viviamo, attraverso anche la realizzazione di strutture ed impianti ad energia rinnovabile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.